Passa ai contenuti principali

Abbraccia la paura - H.W.L. Poonja‏

Domanda: «Quando sono calmo - e provo solo questo amore - è così bello. Ma poi viene questo sentimento di paura; come se l'amore se ne andasse per sempre. Io non voglio che quella paura venga. Voglio rimanere soltanto nella bellezza del sentimento d'amore».

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Papaji: «Posso suggerirti soltanto che quando viene la paura, che è quel che sta accadendo, tu la lasci venire. Abbraccia questa paura, non rifiutarla. Abbracciala e baciala. Se la paura viene quando sei felice è una vecchia abitudine che si sta manifestando, una tendenza latente della mente. Tutto ciò che dorme deve svegliarsi adesso; altrimenti queste tendenze ti daranno molto filo da torcere, ripetutamente».

(H.W.L. Poonja, detto Papaji)

Sri Hariwansh Lal Poonja, (1910-1997), chiamato dai discepoli 'Papaji', nacque nel Punjab occidentale, nell'attuale Pakistan. A nove anni sperimentò il suo primo 'samadhi'. Fervido indipendentista, dopo il matrimonio e dieci anni di lavoro come commesso viaggiatore, fece domanda per arruolarsi nell'esercito inglese, pensando poi di utilizzare la preparazione militare contro gli inglesi stessi. Ma lasciò il suo posto di ufficiale e nel 1944 raggiunse l'ashram del suo maestro, Ramana Maharshi.

Lavorò per mantenere la famiglia fino al '66 e una volta in pensione, dopo aver vissuto sulle rive del Gange, iniziò a viaggiare per il mondo senza volersi mai radicare in nessun luogo. Verso la fine degli anni '80, per problemi di salute, si stabilì a Lucknow, nello stato dell'Uttar Pradesh in India, tenendo 'satsang' (incontri, discorsi) quotidianamente, aiutando centinaia di ricercatori spirituali e devoti.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.