Passa ai contenuti principali

Una predica di Joshu

Durante una predica, Joshu disse:

Una statua di metallo di Buddha fonde nel forno.
Un Buddha di legno si consuma nel fuoco.
Un Buddha di argilla si discioglie nell’acqua.
Un autentico Buddha dimora nell’intimo.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

La saggezza, il nirvana, la verità assoluta,
la natura di Buddha:
tutti questi non sono che una copertura del corpo. Potreste chiamarli benissimo sofferenza e illusione.
Se non vi interessate ad essi,
la sofferenza e l’illusione cessano di esistere.
Qual è allora lo scopo della realizzazione?
Quando la mente non sorge, tutto è senza difetto.
È sufficiente che seguiate ciò che è vero,
e che rimaniate seduti per venti o trent’anni.
Se non otterrete la realizzazione,
potrete tagliarmi la testa.
Invano voi tentate di impossessarvi di un sogno,
di un fantasma,
di un fiore nel cielo.
Se la vostra mente non diverge, nulla divergerà.
Non è qualcosa che possa essere raggiunto dall’esterno.
Perché, allora, dovete essere posseduti da qualcosa?
A cosa servirebbe essere come una pecora
che raccoglie delle cose a caso e se le mette in bocca?
Quando incontrai il maestro Yakuzan, mi disse:
«Se qualcuno mi fa una domanda,
gli faccio solo chiudere la bocca».
Allo stesso modo io dico:
“Chiudete la bocca.”
Se inseguite il sé, siete contaminati.
Se non inseguite il sé, siete puri;
siete come un cane da caccia
che non fa che saltare qua e là
in cerca di qualcosa da mordere.
Dov’è la verità?
I mille, i diecimila che cercano il Buddha
sono solo molta gente.
Cercate di trovare quelli veri.
Non ne troverete nemmeno uno.
Se è «il vuoto dell’illuminazione»
ciò che andate cercando,
non piegatevi alla malattia della mente.
È la più difficile da curare.
La natura di Buddha esisteva prima che il mondo fosse.
Quando il mondo perirà, non verrà distrutta.
Quando vi sarete visti occhio a occhio con me,
non diverrete un’altra persona.
Siete solo voi, voi stessi.
Perché, dunque, dovreste cercarlo al di fuori di voi? Non andate qua e là,
non contorcete il vostro volto,
o lo perderete.”

Da Filosofie orientali Guide.Supereva.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.