Passa ai contenuti principali

Un sassolino contro una canna di bambu'

Kyogen si era impegnato per anni nella ricerca dell'illuminazione. Aveva studiato a fondo i sutra buddhisti, aveva meditato per giorni interi, aveva analizzato vari koan, aveva ridotto il sonno e il cibo, aveva fatto i lavori più umili. Ma tutto era stato inutile.
Così si presentò al maestro e gli disse: "Non ce l'ho fatta. Me ne vado via".

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Si recò sui monti e si mise a vivere come un eremita. Non possedeva niente e non si poneva più nessuna meta.
A poco a poco si dimenticò che voleva diventare un illuminato. Dei sutra non ricordava quasi più niente e dei koan non gli rimaneva che una domanda muta. La sua mente si svuotò di tante idee, di tante aspettative, e si fece sempre più limpida.
Un giorno, mentre camminava, fece saltare un sassolino che colpì una canna di bambù. L'urto produsse un suono inaspettato.
Fu come una scossa. E il monaco raggiunse la vera entrata.

- Fonte lameditazionecomevia.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.