Passa ai contenuti principali

Trappole abituali

L'abitudine di classificare il contenuto della nostra esperienza in base a giudizi innesca un sistema di reazioni meccaniche di cui non cui non ci rendiamo conto e che spesso non hanno alcun fondamento obiettivo. La costante attività della mente ci rende difficile trovare uno stato di pace interiore; la mente si comporta come uno yo-yo, che tutto il giorno va su e giù lungo la corda nei nostri giudizi positivi e negativi. (Jon Kabat-Zinn)


«C'è un mondo al di fuori della vostra conoscenza? Potete andare oltre ciò che conoscete? Potete postulare un mondo oltre la mente, ma rimarrà un concetto, non provato e non provabile. La vostra esperienza è la prova ed è valida soltanto per voi. Chi altri può fare la vostra esperienza, quando anche l'altra persona è reale nella misura in cui compare nella vostra esperienza? In realtà niente accade, non c'è passato né futuro; tutto appare e niente è». (Nisargadatta Maharaj)

 (Jon Kabat-Zinn)
- Jon Kabat-Zinn - Macrolibrarsi
- Jon Kabat-Zinn - Amazon

(Nisargadatta Maharaj)
- I libri consigliati di Sri Nisargadatta Maharaj - macrolibrarsi
- http://it.wikipedia.org/wiki/Nisargadatta_Maharaj
- Nisargadatta Maharaj - amazon.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.