Passa ai contenuti principali

La vera legge dell'amore è dare - Aivanhov

"Che si tratti di individui o di paesi, tutti coloro che hanno avuto successo o che si sono arricchiti a spese degli altri non ne traggono un vero profitto, e arriva sempre il momento in cui anche sul piano materiale devono lasciare, un po' alla volta, tutto ciò che hanno preso.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Un vero spiritualista, al contrario, non solo si sforza di non ledere mai gli altri in alcun modo, ma si chiede sempre come fare per dare loro qualcosa. Anche quando li saluta, quando li guarda, quando fa loro un sorriso, quando dà loro la mano o parla con loro, non smette mai di voler dare qualcosa di buono, di luminoso. Così facendo, egli si sviluppa, cresce, avanza e si eleva sempre più, perché obbedisce alla legge dell'amore, e la vera legge dell'amore è dare. Ma mentre dà, allo stesso tempo riceve, perché la luce del sole, come un fiume limpido, discende fino a lui."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.