Passa ai contenuti principali

Coscienza - aa. vv.

Non si raggiunge l’illuminazione immaginando figure di luce, ma portando alla coscienza l’oscurità interiore. Chi guarda fuori sogna, chi guarda dentro si sveglia. (Carl Gustav Jung - La vibrazione del cuore)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

«Quando ha avuto inizio la coscienza?». «Il ciclo, o monaci, non ha inizio. Degli esseri che migrano e arrancano per questo ciclo, accecati come sono dall'ignoranza e dominati dalla sete di sensazioni, non si può descrivere alcun inizio». (Parole del Buddha - Quando ha avuto inizio la coscienza? - Samyutta Nikaya, XV, 1)

Dio non è una persona, ma è la Coscienza in se stessa. Per questa ragione è consapevole dei pensieri e delle percezioni sensoriali di ogni essere. (Paramahansa Yogananda)

Poiché il seme non contiene altro che il seme, anche i fiori e i frutti sono della stessa natura del seme: la sostanza del seme è anche la sostanza degli effetti successivi. Nello stesso modo, la massa omogenea della coscienza cosmica non dà origine a null'altro che essa non sia già in essenza. Quando si realizza questa verità, la dualità cessa. (Yoga Vasishtha)

La coscienza non è qualcosa di astratto, è come l'esistenza stessa o l'Ananda o la mente o il prana, qualcosa di molto concreto. Se si diventa consapevoli della coscienza interiore, con essa si possono fare ogni sorta di cose: inviarla all'esterno come corrente di forza, erigere un cerchio o un muro di coscienza attorno a sé. (Sri Aurobindo - Lettere sullo Yoga Libro VI-Cap XXVIII- Parte II- pag 224,225)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.