Passa ai contenuti principali

Non pensare bene ne' male

Se non pensi «bene» né «male» puoi semplicemente essere presente e rivelare la tua innata saggezza. Se pensi continuamente a ciò che i tuoi colleghi o i tuoi capi pensano di te, metti un filtro tra te e te stesso, e tra te e gli altri. Non sarai in contatto né con te stesso né con la situazione.


Non pensare né bene né male è la stessa cosa che dimenticare se stessi. «Dimenticare se stessi è essere illuminati ...». Allorché riusciamo a lasciar andare veramente l'attaccamento a noi stessi, qualunque attività intraprendiamo ... è un'azione illuminata e ogni luogo è il nirvana, comprese la sala riunioni del consiglio di amministrazione e la lavanderia.

(Gerry Shishin Wick Sensei, Zen in the Workplace: Approaches to Mindful Management - Summer 1996)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.