Passa ai contenuti principali

La preghiera al dio Pan di Platone

Vi propongo la lettura della bella preghiera al dio Pan, che si trova a conclusione del Fedro di Platone:

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

"O caro Pan e voi altri dèi che siete in questo luogo,
concedetemi di diventare bello di dentro,
e che tutte le cose che ho di fuori siano in accordo
con quelle che ho dentro.
Che io possa considerare ricco il sapiente
e che io possa avere una quantità di oro
quale nessun altro potrebbe né prendersi né portar via,
se non il temperante".

Commenti

  1. Ciao,
    dato che siamo in tema di letture classiche, vorrei suggerirti qualcosa che secondo me potrebbe interessarti. Si tratta del "Somnium Scipionis" di Cicerone.
    Fammi sapere se ho indovinato!

    A presto

    Gianluca

    RispondiElimina
  2. Ho dato una prima occhiata ed è interessante, ma intendo leggerlo per intero e ti risponderò dopo. I link sono questi:
    http://it.wikipedia.org/wiki/Somnium_Scipionis
    http://www.classicitaliani.it/dante1/somnium.htm

    Ciao, grazie.

    RispondiElimina
  3. Figurati.
    Hio dato un occhio a questo blog e devo farti i complimenti per la sua completezza in materia. Ti ho aggiunto tra i Blog Amici, a questo indirizzo: http://baronate.blogspot.com/p/blog-amici.html.

    Se vorrai inserirmi tra i tuoi link, non posso che esserne felice.

    Grazie Nick.Salius e a presto

    Gianluca

    RispondiElimina
  4. Grazie GianLuca, ho ricambiato a questo indirizzo:
    http://www.oradimeditazione.net/p/links.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.