Passa ai contenuti principali

Il Brahman è dappertutto

Il vero sostegno sta nel volontariato, per il cui mezzo un uomo o una donna raggiungono il Brahman eterno; ma coloro che non cercano di rendersi utili al prossimo sono senza casa in questo mondo. (Bhagavad Gîtâ IV, 31)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Un oggetto ha un riflesso: guardandolo vediamo due immagini, eppure c'è una cosa soltanto. Nello stesso modo, questo mondo è un riflesso del Brahman. Possiamo vederne due, eppure uno solo esiste. (Jnaneshwar)

Il processo dell'offerta è il Brahman; ciò che è offerto è il Brahman; il Brahman offre il sacrificio nel fuoco del Brahman; il Brahman è raggiunto da coloro che vedono il Brahman in ogni azione. (Bhagavad Gîtâ IV, 24)

Ogni cosa che abbia forma è impermanente, solo il senza-forma dura. Quando capirete la verità di questo insegnamento, non rinascerete più. Perché il Brahman è infinito, dentro e fuori dal corpo, come uno specchio e l'immagine che riflette. Come l'aria è dappertutto, intorno ad un vaso e dentro di esso, così anche il Brahman è dappertutto, riempie tutte le cose e fluisce attraverso di esse per sempre. (Ashtavakra Gita I, 18-20)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.