Passa ai contenuti principali

I saggi risvegliati

I saggi risvegliati dicono saggio colui le cui imprese sono libere dall'ansia per il risultato, i cui desideri egoistici sono stati inceneriti nel fuoco della conoscenza. I saggi, sempre soddisfatti, hanno lasciato perdere tutti i sostegni esteriori: la loro sicurezza non è intaccata dal risultato dell'azione. Perfino mentre agiscono essi, in realtà, non fanno nulla. Liberi dalle aspettative e dal sentimento di possesso, con mente e corpo saldamente sotto controllo, non commettono alcun peccato mediante il compimento di un atto. (Bhagavad Gita 4:19-21)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Colui che camminando, stando fermo in piedi, stando seduto oppure giacendo controlla i propri pensieri, godendo della loro cessazione, un tale praticante giunge al conseguimento del supremo risveglio. (Itivuttaka, 110)

Il risveglio è nascosto nel cuore come il burro nella panna. (Shvetashvatara Upanishad)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.