Passa ai contenuti principali

Cerca la sorgente - Aivanhov

Di tanto in tanto, fermatevi, chiudete gli occhi, entrate in voi stessi e cercate di trovare quel centro divino che è la sorgente pura della vita. Aprire e chiudere gli occhi è uno degli atti più frequenti della vita quotidiana, ma lo si fa inconsciamente, ed è per questo che non si impara niente. Quindi adesso, con questo esercizio di meditazione, imparate a farlo consapevolmente.


Chiudete gli occhi lentamente e teneteli chiusi per un po'. Poi, apriteli di nuovo, lentamente, e studiate i cambiamenti che si producono in voi. A poco a poco, riuscirete a comprendere come quell'alternanza di apertura e chiusura degli occhi ha la sua corrispondenza nella vita interiore: aprire gli occhi significa andare verso il mondo esteriore, verso l'animazione, il rumore; chiuderli significa ritornare verso il centro del vostro essere, che è pace e silenzio. Quando sarete riusciti a trovare quel centro in voi stessi, sentirete affluire delle correnti che vi porteranno l'equilibrio, l'armonia e la luce.

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.