Passa ai contenuti principali

Spazio- forma- essenza - Eckhart Tolle

Cos'è che realizzi, in primo luogo, con la meditazione? Lo spazio interiore.

«Uno dei più grandi principi della filosofia e della psicologia è: “conosci te stesso”. Come posso conoscere chi sono veramente? Quale trappole devo evitare? E quali strumenti dovrei invece usare? La trappola principale da evitare è confondere il contenuto con l'essenza. L'antico detto: “conosci te stesso” si rivolge all'essenza, la tua vera identità. Il tuo nome, la nazionalità, la religione, le tue opinioni, le visioni politiche, i possessi materiali, i mi piace e non mi piace, i desideri, le paure, le ambizioni, così come la visione di te stesso quale successo o fallimento, buono o cattivo - di fatto tutta la tua intera storia personale e i tuoi processi di pensiero - tutto questo è il contenuto.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Tutto il contenuto è soggetto alla legge dell'impermanenza (come il Buddha ha già scoperto 2600 anni fa), e se cerchi di scoprire chi sei nella dimensione del contenuto, incontrerai frustrazione ancora e ancora. O come lo pone Buddha, soffrirai. Soffri poiché derivi il tuo senso d'identità esclusivamente dal contenuto della tua vita. Un altro nome per contenuto è forma. Che è ciò che l'ego è: identificazione con la forma. Quando cessi d'identificarti con la forma, l'ego non è più al controllo. Quindi, realizza prima quello che non sei (la forma) e ciò che rimane è chi sei. Allora, potresti dire, non rimane niente, ma non è così. Quello che rimane non è la forma, ma l'essenza, che possiamo anche chiamare spazio interiore. Lo spazio da cui derivano tutte le forme e in cui tutte le forme scompaiono. Gli antichi filosofi Cinesi l'hanno chiamato Tao. E' oltre il tempo. E' eterno, è il primordiale io sono.»

Eckhart Tolle

Eckhart Tolle su Amazon.it
Eckhart Tolle su Macrolibrarsi.it
http://it.wikipedia.org/wiki/Eckhart_Tolle

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.