Passa ai contenuti principali

Preghiera di Compassione - Sogyal Rinpoche

Possa io essere il protettore di chi è privo di protezione,
la guida di chi è in cammino, una barca, un ponte,
un guado per chi desidera approdare all'altra sponda.
Possa il dolore di ogni creatura vivente essere completamente cancellato.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Possa io essere il medico e la cura e possa essere l'infermiere
di tutti i malati del mondo, finché ciascuno guarisca.
Così come lo spazio e i grandi elementi,
così come la Terra, possa io sostenere la vita
di tutte le innumerevoli creature.
E, fino a che non siano liberati dal dolore,
possa io essere la sorgente della vita
per tutti i reami dei diversi esseri che si estendono fino ai confini dello spazio.

Da "Il Libro tibetano del vivere e del Morire" di Sogyal Rinpoche

 

Prayer of Compassion

May I be the protector of those who are unprotected,
the guidance of someone who is on a journey, a boat, a bridge,
A stepping stone to those who want to land the other side.
May the pain of every living creature be completely cleared.
May I be the doctor and the nurse care and can be
sick of all the world, until each heal.
Just as space and the great elements,
as the earth, I could support life
of all the innumerable creatures.
It, until they are freed from pain,
I can be the source of life
for all the different realms of beings that extend to the edge of space.

Based on "The Tibetan Book of Living and Dying" by Sogyal Rinpoche

- http://it.wikipedia.org/wiki/Sogyal_Rinpoche
Sogyal Rinpoche - Amazon.it
- Libri di Sogyal Rimpoche - macrolibrarsi

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.