Passa ai contenuti principali

Oh Grande Spirito

Oh Grande Spirito, la cui voce sento nei venti ed il cui respiro dà vita a tutto il mondo, ascoltami!

Vengo davanti a Te, uno dei tuoi tanti figli.

Sono piccolo e debole, ho bisogno della tua forza e della tua saggezza.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Lasciami camminare tra le cose belle,

e fa che i miei occhi ammirino il tramonto rosso e oro.

Fa che le mie mani rispettino tutto ciò che hai creato,

e le mie orecchie siano acute nell'udire la tua voce.

Fammi saggio, così che io conosca le cose che hai insegnato al mio popolo,

le lezioni che hai nascosto in ogni foglia, in ogni roccia.

Cerco forza, non per essere superiore ai miei fratelli,

ma per essere abile a combattere il mio più grande nemico: me stesso!

Fa' che io sia sempre pronto a venire a te, con mani pulite e occhi dritti,

così che quando la mia vita svanirà come luce al tramonto,

il mio spirito possa venire a te senza vergogna.

Preghiera del capo indiano Yellow Hark

- Indiani d'america - Amazon.it
- Indiani d'America - Macrolibrarsi

Commenti

Post popolari in questo blog

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Il Sutra della Lampadina (satira buddhista)

I - Così l'ho sentito.

Una volta il Bhagavan si trovava a Rajagriha sul Poggio dell'Avvoltoio, accompagnato da una grande folla di bikkhu e di una grande folla di bodhisattva. Era tardi, e in quel momento, benché la notte fosse sul punto di calare, il Bhagavan stava concentrato su quella parte dei dharma chiamata Profonda Illuminazione che lo faceva brillare nella penombra.