Passa ai contenuti principali

Non basta il titolo di ghesce per essere un lama - Dalai Lama

Non basta avere conseguito il titolo di ghesce (*) per essere degni dell'appellativo di lama (**). Per ignoranza, in Tibet si diceva che un gran lama era distinguibile dagli altri per il gran seguito di gente a cavallo che gli faceva da scorta. Era una falsa convinzione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Poteva capitare che un monaco o una persona comune, pur avendo sviluppato grandi qualità di compassione, se non aveva una grande carovana al seguito non veniva considerato come un grande maestro. Questo è totalmente sbagliato e induce in errore. Nello stesso modo, nella società tibetana vigeva la disdicevole abitudine di rincorrere tutti coloro che venivano detti reincarnati o tulku (***), e di disinteressarsi dei ghesce veramente qualificati. I tulku o i lama reincarnati divennero così quasi una classe sociale. Spesso mi diverto a scherzare dicendo che si può diventare lama ma non tulku, intendendo che si può essere ben qualificati anche senza detenere il titolo di tulku. Poi ci sono i tulku lama, che hanno un vasto stuolo di seguaci, coi loro attendenti e maestri di rituali e così via. Ma i reincarnati, in sé, non detengono alcuna qualità speciale, nemmeno rispetto alle pratiche. In questo caso è meglio chiamarlo semplicemente tulku, ma non lama.

(Tenzin Gyatso, XIV Dalai Lama - copyleft perle.risveglio.net)

Note del curatore:
(*) Ghesce è un dottorato, che si consegue con uno studio di tipo universitario.
(**) Lama è il maestro spirituale, il guru.
(***) Tulku, secondo le credenze tibetane, è un bodhisattva reincarnato.

- Dalai Lama (Amazon.it)
- Il Dalai Lama su Macrolibrarsi.it
- Il Dalai Lama su Wikipedia
- Frasi celebri del Dalai Lama

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.