Passa ai contenuti principali

Mudra

Le mudra, nella disciplina yoga, sono uno dei tanti rituali per mettersi in contatto con le energie sottili del cosmo; un gioco silenzioso del corpo per ricaricarsi di prana, l'energia vitale, o per scaricare flussi negativi, nocivi al corpo come alla mente. (sintonizzarsi con il prana favorisce la meditazione - NdR)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

COSA SONO LE MUDRA

Lo yoga attiva la salute del corpo e dello spirito attraverso molteplici dinamiche: la respirazione (pranayama), la postura del corpo (asana), la ripetizione di una parola (mantra) e, per quanto riguarda i gesti, con le mudra.
Il termine mudra deriva da una parola babilonese, che significa "sigillo"; il contrassegno sacro, cioè, del gesto che regala benessere.


DITA COME ANTENNE

Secondo la cultura orientale, nelle mani e nelle dita sono posti numerosi centri energetici, che possono attivarsi per regolarizzare le energie che attraversano il corpo, grazie alle mudra.
In pratica, è come se le estremità superiori del corpo fossero predisposte per funzionare, all'occorrenza, come tante antenne riceventi e trasmittenti, sintonizzate con il cosmo, fonte inesauribile di vita.
Un insieme di gesti corretti darà i risultati cercati, come per magia, in termini di calma, o di energia, se occorre; così come di protezione dagli effetti indesiderati di ansia e paura; ma, anche per infondere fiducia e salute.


STORIA

Probabilmente, questo termine risale al periodo post vedico, dove, nella letteratura sacra dell'India, assume - lo ripetiamo - il significato di "sigillo"; o, nel senso generale, di un marchio, lasciato da un sigillo.
Nei riti esoterici (ad esempio, nel Tantrismo) la parola "mudra" indica una particolare gestualità delle dita, attraverso la quale il praticante garantisce la piena efficacia del rito stesso.
Già nel periodo vedico, durante le esecuzioni rituali, i gesti - con i loro movimenti verticali - indicavano gli accenti delle parole del rito. Sin da allora, quindi, sembra essersi stabilita una precisa relazione tra mantra e mudra.
Possiamo suddividere i mudra in due categorie:

La prima, concernente l'aspetto metafisico delle cerimonie esoteriche, in cui la rapidità dell' esecuzione li rende impercettibili agli occhi dei presenti.

La loro esecuzione è sempre associata alla pronunzia esatta di un mantra di difficile interpretazione. Alcuni di essi sono diretti a porre gli elementi soprannaturali sotto il controllo del sadhaka, per poter essere trasformati in agenti benefici, attraverso l'adorazione

La seconda categoria appartiene alla rappresentazione iconografica, nella pittura e nella scultura.

Si tratta di mudra assunti dai principali personaggi del Pantheon buddista e induista. Tali gesti esprimono sinteticamente le qualità e le attitudini di personaggi, unitamente alle armi ed agli utensili che essi impugnano con le innumerevoli mani.

http://www.guruji.it/mudra.htm
http://it.wikipedia.org/wiki/Mudra

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.