Passa ai contenuti principali

Chi ben comincia è a metà del cammino

Buddhista del sec. VII d. C., Shantideva è autore della “Bodhicaryavatara” (“Introduzione alla pratica del risveglio”). Egli si era battuto per una spiritualita' più aperta, meno rigida e chiusa sulla perfezione del proprio io, di quanto si andava allora affermando nel buddhismo. Ecco alcune espressioni bellissime dell’autore sull’amore per il prossimo:

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

  • Questi occhi, che non sono più miei, non debbono più vedere il mio proprio interesse.
  • Queste mani, che sono ora di altri, non debbono più fare il mio proprio interesse ….
  • Io appartengo ad altri! Questa deve essere la tua convinzione, o mio cuore!
  • Tu non devi avere ormai altro pensiero, se non il bene di tutte le creature
  • (R. Gnoli, Testi buddhisti in sanscrito, UTET, 1983)

    Pur nella diversità delle motivazioni, e' straordinario segnalare tanta sensibilità - e, di converso, compassione - nei confronti del prossimo. Questo desiderio del bene dell’altro nasce da una religiosità relativamente lontana dalla nostra, eppure in segreta sintonia. C'è un filo d’oro che unisce spesso chi cerca la "verità" - o l'illuminazione spirituale - con cuore sincero.

    Scriveva ancora Shantideva: “Per lenire il mio dolore e quello degli altri, io dono agli altri me stesso”.

    - BUDDHISMO & MEDITAZIONE -
    - Buddhismo & Meditazione - Amazon

    - MEDITAZIONE -
    - Meditazione su Amazon.it
    - Libri sulla meditazione - Mcrolibrarsi.it

    Commenti

    Post popolari in questo blog

    La trasformazione della mente - Dalai Lama

    La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

    Age quod agis

    Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

    Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

    "Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
    Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
    Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.