Passa ai contenuti principali

Upanishad

Presso la religione induista, le Upanishad sono scritture sacre nelle quali vengono insegnate sia la meditazione che la filosofia e fanno parte delle Shruti, o scritture post-vediche. Contengono diversi argomenti spirituali, e, dei 123 libri, solo 12 sono accettati come più importanti.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Il termine Upanishad deriva dal Sanscrito: upa (vicino), ni (sotto) e shad, (sedersi), ossia "sedersi vicino", (ad un guru, o maestro spirituale) suggerendo l'azione di ascolto di insegnamenti spirituali. Le Upanisad sono i commentari ai Veda, loro fine putativa ed essenza, conosciuti anche come Vedanta o ("Fine dei Veda").

[...] A causa della loro predisposizione filosofica e natura mistica comprendente sia tutti i rituali, sia i princìpi dell' Uno Brahman e dell'Atman interiore, le Upanisad sono intrise di un sentimento universale infuso nella cultura in tanti modi, culminato nella creazione delle tre scuole Vedanta.

La sintesi di tutte le Upanishad si può concentrare in una frase: "Tat Tvam Asi" (Tu sei quello). L'inconcepibile Brahman è la stessa nostra anima, o Atman. Solo noi possiamo realizzarla utilizzando la discriminazione per sfondare il muro dell'illusione, il velo di Maya.

Le Upanishad si distinguono come un chiaro invito verso l'auto-realizzazione ...

Le Upanishad contengono sia le prime che le definitive interpretazioni sulle parole divine, come l'Aum, la vibrazione cosmica alla base di tutta l'esistenza e contiene le trinità multiple dell'essere e i principi inclusi dell'Uno-Sè.

Upanisad

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.