Passa ai contenuti principali

Le vostre preghiere - Aivanhov

"Visto che le vostre preghiere non sono esaudite, avete forse l’impressione che pregare non serva a nulla? ... Ebbene, vi sbagliate. Se le vostre preghiere sono sincere, intense e disinteressate, sarete esauditi, ma a poco a poco. Quello che chiedete non può realizzarsi rapidamente, ma poiché avete messo in moto un processo, se sarete tenaci e pazienti, questo processo, che è continuo, andrà amplificandosi.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Nel medesimo istante in cui pregate, il vostro desiderio incomincia a realizzarsi, ma occorre del tempo perché si realizzi completamente. Mettete un seme in terra: affinché quel seme diventi un albero, occorre del tempo; e tuttavia, voi siete già esauditi, dal momento che il seme inizia a germinare sotto terra. Chiedete il Regno di Dio e la sua Giustizia? Non potrete farli giungere in un solo giorno, e neppure in qualche anno. Non è possibile: il Regno di Dio e la sua Giustizia sono come un albero gigantesco che ha bisogno di tantissimo tempo per crescere! Visto però che il seme è stato interrato, l’albero sta già crescendo…"

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.