Passa ai contenuti principali

Un atteggiamento nonviolento - B. Alan Wallace

Il fondamento nonché l'obiettivo iniziale della (nostra) trasformazione sta nell'evitare di nuocere agli altri. Dobbiamo sforzarci di evitare di far danno direttamente con parole o atti o indirettamente con pensieri e intenzioni, sia da soli, sia in associazione con altri. Possiamo ferire gli altri con le offese, le calunnie, il sarcasmo o l'inganno, oppure con atti di omissione dovuti all'insensibilità e alla disattenzione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Il modo più sottile di far danno ad altri è indiretto, per mezzo di pensieri, giudizi e atteggiamenti. Quando la mente è dominata dall'ostilità, si possono maliziosamente attaccare gli altri coi pensieri. Anche se apparentemente nessuna ferita viene inflitta, questi pensieri ci modificano interiormente e influenzano il nostro modo di interagire e a lungo andare sono invariabilmente nocivi. Così il punto di partenza della pratica del Dharma è un atteggiamento nonviolento verso le nostre stesse vite, gli altri esseri viventi e l'ambiente. Questo fondamento della pratica spirituale apporta benessere  a noi e agli altri. Sulla base della nonviolenza possiamo cercare di essere utili agli altri tenendo presente che qualunque lavoro compiuto sarà altruistico nella misura in cui le nostre motivazioni sono la bontà e l'amicizia. (B. Alan Wallace)

B. Alan Wallace, con una laurea in Fisica, una in Filosofia della scienza, una in Storia delle religioni, pratica il buddhismo dal 1970, ed è uno dei più famosi insegnanti occidentali di filosofia buddhista e di meditazione. Il suo addestramento monastico nel buddhismo è durato quattordici anni, culminando con l'ordinazione ad opera del Dalai Lama, sotto la cui direzione studia da più di trent'anni. È il fondatore del Santa Barbara Institute for Consciousness Studies.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.