Passa ai contenuti principali

Il burro ed i sassi - parabola buddista

Un giorno un giovane si recò dal Buddha piangente e gemente. Il Buddha gli chiese: «Che cosa c'è che non va, giovane?».

«Signore, il mio vecchio padre è morto».

«Che possiamo farci? Se è morto, piangere non lo riporterà indietro».


«Sì, capisco; piangere non riporterà indietro mio padre. Ma sono venuto da voi con una richiesta speciale: per favore, fate qualcosa per mio padre morto!».

«Ma che cosa posso fare per il tuo povero padre morto?».

«Signore, vi prego, fate qualcosa. Siete una persona tanto potente, certamente saprete che cosa fare. Guardate questi preti, venditori di indulgenze e raccoglitori di elemosine che celebrano ogni sorta di funzioni e di rituali per aiutare i morti. Appena il rituale viene celebrato quaggiù, il cancello del regno dei cieli si apre e il morto può entrarvi, ottiene il visto d'ingresso. Voi, signore, che siete così potente, se celebrate un rito per mio padre morto, non solo lui otterrà il permesso di entrarvi, ma avrà la garanzia di potervi soggiornare a vita! Per favore, fate qualcosa per lui!».

Il poveretto era tanto sopraffatto dal dolore che non riusciva a sentir ragioni. Perciò il Buddha dovette usare un altro sistema per aiutarlo a capire. Così gli disse: «Va al mercato e compra due vasi di terracotta». Il giovane era molto felice, perché pensava che il Buddha avesse acconsentito a celebrare un rito per suo padre. Corse al mercato e tornò con due vasi. «Bene» disse il Buddha «adesso riempine uno di burro chiarificato (ghi)». Il giovane lo fece. «Riempi l'altro di sassi.» Il giovane obbedì. «Ora chiudili e sigillali bene». Il giovane fece anche questo. «E ora deponili nel laghetto laggiù». Il giovane eseguì, ed entrambi i vasi affondarono.

«Ora » disse il Buddha «prendi un bastone e fa a pezzi i vasi». Il giovane si rallegrò moltissimo, pensando che il Buddha stesse celebrando un rito meraviglioso per suo padre.

Secondo l'antica tradizione indiana, quando un uomo muore, il figlio ne porta il corpo sul luogo della cremazione, lo depone sulla pira e lo brucia. Quando il corpo è bruciato per metà, il figlio prende un grosso bastone e gli spezza il cranio. Secondo le vecchie credenze, non appena il cranio viene aperto quaggiù, in questo mondo, lassù il cancello del regno dei cieli si apre. Così, ora, il giovane pensava tra sé e sé: "Il corpo di mio padre è stato bruciato e ridotto in cenere ieri. Come un simbolo, il Buddha ora vuole che io rompa i vasi per aprirli!". Era molto felice di come si stava svolgendo il rito.

Impugnò con forza il bastone e, come aveva ordinato il Buddha, ruppe entrambi i vasi. Subito il burro chiarificato contenuto in uno di essi venne fuori e si sparse sulla superficie dell'acqua. I sassi contenuti nell'altro vaso, invece, uscirono e rimasero sul fondo. Allora il Buddha disse:

«Bene, giovane, questo è il massimo che posso fare. Adesso chiama i tuoi preti e operatori di miracoli e chiedi loro di cominciare a cantare e a pregare: "Oh, sassi, risalite, risalite alla superficie! Oh, burro, scendi, scendi sul fondo!". Fammi vedere se ci riescono».

«Oh, signore, perché mi prendete in giro? Com'è possibile? I sassi, più pesanti dell'acqua, sono costretti a restare sul fondo: non possono riemergere, questa è la legge di natura! Il burro chiarificato è più leggero dell'acqua, e quindi è costretto a rimanere in superficie: non può scendere, questa è la legge di natura!»

«O giovane, conosci tanto bene le leggi di natura, ma non hai capito questa legge naturale: se durante tutta la sua vita tuo padre ha compiuto azioni pesanti come sassi, è costretto ad affondare; chi può riportarlo su? E se tutte le sue azioni sono state leggere come questo burro chiarificato, è costretto a salire; chi può tirarlo giù?».

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.