Passa ai contenuti principali

Cambia le tue parole, cambia il tuo mondo! - Aivanhov

"Le pietre sono vive: sì, vive e coscienti. Esse ci parlano, e anche noi possiamo parlare loro. Siete stupefatti…? Ebbene, provate a sperimentarlo entrando in comunicazione con esse. Tenete in mano una pietra e ascoltatela: a poco a poco sentirete che quella pietra vi racconta la lunga storia della Terra, tutti gli avvenimenti ai quali ha assistito e che si sono registrati su di essa, poiché tutto si registra.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Voi pure potete farvi udire da una pietra parlandole con amore, poiché l’amore è il linguaggio universale che tutto il creato comprende. Toccate una pietra con amore, e questa vibrerà già in modo diverso e potrà rispondervi con amore.

Quando saprete parlare alle pietre potrete anche affidare loro dei messaggi. Prenderete una pietra e, impregnandola del vostro amore, le chiederete di portare la pace e la gioia alla persona alla quale la offrirete. Sentirete persino che quella pietra è felice di vedersi affidare una tale missione. "

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.