Passa ai contenuti principali

La paura, radice della violenza - De Mello

Alcuni affermano che esistono solo due cose al mondo: Dio e la paura; l'amore e la paura sono le sole cose. C'e' un solo male al mondo: la paura. C'e' un solo bene al mondo: l'amore. Talvolta viene definito con altri nomi . Talvolta si chiama felicita', o liberta', o pace, o gioia, o Dio, o chissa' cosa. Ma l'etichetta non ha grande importanza. E non esiste male al mondo che non possa essere fatto risalire alla paura. Nemmeno uno. Ignoranza e paura, ignoranza causata dalla paura: e' da qui che deriva ogni male, e' da qui che deriva la vostra violenza. La persona veramente non violenta, incapace di violenza, e' una persona senza paura. E' solo quando si ha paura che ci si arrabbia. Pensate all'ultima volta che vi siete arrabbiati. Avanti, riflettete. Pensate all'ultima volta che vi siete arrabbiati e andate in cerca della paura che era sottintesa.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Che cosa temevate di perdere? Che cosa pensavate che potesse esservi sottratto? E' da li' che viene la rabbia. Pensate a una persona arrabbiata, magari una di cui avete paura. Riuscite a vedere quanto e' spaventata? Lo e' davvero. E' davvero spaventata, altrimenti non sarebbe arrabbiata. In ultima analisi, esistono solo due cose: l'amore e la paura. In questa sede preferisco mantenere una discussione come questa, non strutturata, capace di spostarsi da un argomento all'altro e di tornare di volta in volta ai diversi temi, perche' in questo modo e' possibile riuscire ad afferrare veramente quello che dico. Se un'affermazione non vi colpisce la prima volta, potrebbe farlo la seconda, e quel che non colpisce una persona puo' colpirne un'altra.

Parlo di temi diversi, ma trattano tutti della stessa cosa. Chiamatela consapevolezza, liberta', risveglio, o come volete. E' davvero la stessa cosa.

Anthony De Mello

Da: Messaggio per un'aquila che si crede un pollo - Anthony De Mello
- Anthony De Mello - macrolibrarsi
- Anthony De Mello - amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.