Passa ai contenuti principali

Là dove c'è unità

L'occhio non può vederlo, la mente non può afferrarlo; il Brahman non ha casta né razza, né occhi, né orecchi, né mani, né piedi; i saggi dicono che è infinito nel grande e nel piccolo; sempiterno e immutevole, è la scaturigine della vita. (Mundaka Upanishad)


Riconosci che ciò che appare è falso. Soltanto l'Immanifesto dura. Quando capirai la verità di quest'insegnamento, non dovrai ricadere nell'irrealtà. Il Brahman è infinito, dentro e fuori dal corpo, come lo specchio e l'immagine nello specchio. Proprio come l'aria è dappertutto, attorno al vaso e dentro il vaso, così l'Imperituro riempie la totalità delle cose e tutte le attraversa. (Ashtavakra Gîtâ I, 18-20)

Dove c'è separazione si vede un altro, si odora un altro, si gusta un altro, si parla a un altro, si ode un altro, si tocca un altro, si pensa a un altro, si conosce un altro. Ma là dove c'è unità, l'uno senza un due, quello è il mondo di Brahman. È questo lo scopo ultimo della vita, il tesoro più prezioso, la somma gioia. Coloro che non cercano di arrivare a questa meta eccelsa non vivono che una minima parte di questa gioia. (Brihadaranyaka Upanishad)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.