Passa ai contenuti principali

Il modo in cui la sofferenza può essere interrotta - S. N. Goenka

Una sensazione compare, allora comincia il gradimento o lo sgradimento. Quest'attimo fuggente, se ne siamo inconsapevoli, si ripete e intensifica fino a diventare brama e/o avversione, e si trasforma in una forte emozione che infine travolge la mente cosciente. Restiamo così intrappolati nell'emozione e tutto il nostro senno viene spazzato via.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Il risultato è che ci troviamo coinvolti in discorsi e azioni malsani, nocivi a noi e agli altri. In questo modo ci creiamo da soli l'infelicità di cui soffriamo - adesso e in futuro - a causa di un momento di cieca reazione. Ma se siamo consapevoli nel momento in cui comincia il processo di reazione - cioè se siamo consapevoli della sensazione - possiamo scegliere di non consentire che la reazione avvenga o si intensifichi.

In quei momenti la mente è libera. Forse, inizialmente, questi possono essere solo alcuni momenti in un'intera ora di meditazione mentre per il resto del tempo la mente rimane preda della vecchia abitudine di reagire alle sensazioni, prigioniera del vecchio circolo vizioso della brama, dell'avversione e dell'afflizione. Ma, con la pratica, quei pochi brevi momenti si trasformeranno prima in secondi, poi in minuti, finché, infine, la vecchia abitudine a reagire non si spezza e la mente resta continuamente in pace.

Questo è il modo in cui la sofferenza può essere interrotta.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.