Passa ai contenuti principali

Scienza dello spirito - Aivanhov

"Una religione non è altro che una forma assunta dallo spirito per manifestarsi; nessuna forma però rimane immutata.

Il cristianesimo, che è nato nel Medio Oriente, all'inizio ha ricevuto elementi delle culture, greca e latina, che sono andati ad aggiungersi agli elementi ereditati dalla religione giudaica, che a sua volta era stata influenzata dalle religioni dei paesi vicini come l'Egitto, la Mesopotamia, e così via.

Una religione non nasce mai dal nulla, ma riceve elementi dalle religioni che l'hanno preceduta ed essa stessa si trasforma man mano che la sua diffusione si allontana dal luogo di origine.


È così che i popoli dell'Africa, dell'America e dell'Asia che sono stati convertiti al cristianesimo vi hanno mescolato elementi della loro cultura.

Che lo si voglia o no, le religioni si trasformano. Anche se i testi sacri sono gli stessi, la distanza fra ciò che le persone leggono e il modo in cui pensano e agiscono aumenta sempre più.

L'evoluzione è la legge della vita! Ecco perché non è ragionevole accanirsi a voler rendere eterne le forme di una religione."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.