Passa ai contenuti principali

Riflettendo sul bene e sul male

Racconta una antica storia cinese di un vecchio pescatore che era coadiuvato da un figlio giovane e forte. Un giorno, durante la pesca, il figlio cadde su un tronco che affiorava dall'acqua, e si ruppe una gamba. Gli altri pescatori accorsero alla casa dell'infermo e si dispiacquero dell'accaduto. Il vecchio pescatore li ringraziò e poi disse: "Non so se è male". Da lì a qualche giorno arrivarono le guardie delll'imperatore per reclutare alla guerra tutti i giovani del villaggio. Naturalmente il figlio del vecchio pescatore non fu preso e gli altri genitori andarono da lui per rinfacciargli quella insperata fortuna; e il saggio pescatore rispose: "Non so se è bene".

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Da questa storiella si deduce che il bene e il male sono due forze complementari, entrambe necessarie alla evoluzione; due correnti che si alternano e interagiscono secondo il punto di vista dell'osservatore. Nel male oscuro giace il seme del riscatto e nel sommo bene può essere latente l'essenza della discordia; fino a ché la dualità apparente non sia superata e la non-esistenza del male sia smascherata. "Il buio non può conquistare la luce, e la luce trasforma continuamente l'oscurità in chiarezza". In altre parole: "Il Bene è "unità", è "principio"; il Male ne è l'effetto speculare che riconduce al bene stesso. ...

- Fonte web fraternity.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.