Passa ai contenuti principali

Perché non posso semplicemente sorridere ed essere felice? - Amma

Figli, finché vi portate il fardello del passato, non potete sorridere in modo genuino. Dovete chiedervi: 'Perché sono triste? Perché non posso semplicemente sorridere ed essere felice?'

Guarda la bellezza e la perfezione della natura. Tutto nella natura è così gioioso, anche se non c'è l'intelligenza dell'essere umano. Tutta la creazione esulta.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Le persone colgono i fiori più belli staccandoli dal gambo. Con alcuni si formano ghirlande mentre altri vengono calpestati per incuranza. Un fiore ha un periodo di vita così breve, eppure si offre agli altri con tutto il cuore; offre anche il suo nettare alle api, eppure è felice. Le stelle brillano in cielo, i fiumi scorrono beati, i rami degli alberi danzano col vento, e gli uccelli erompono nel canto. Dovreste chiedervi: 'Perché, allora, mi sento così miserabile nel vivere in mezzo a tutta questa celebrazione gioiosa?'

Chiedetevi 'perché?' in continuazione, e troverete la risposta. La risposta è che i fiori, le stelle, i fiumi, gli alberi e gli uccelli non hanno ego, ed essendo senza ego, niente può ferirli. Quando si è senza ego, si può soltanto esultare. Anche le occasioni che normalmente sarebbero dolorose vengono trasformate in momenti di gioia.

Ma, sfortunatamente, avete un ego, e siete stati feriti dalla gente molte volte. C'è una montagna di sentimenti di risentimento dentro di voi. La vostra individualità, il vostro ego, è stato ferito, offeso. Tutte queste ferite hanno un brutto aspetto: ne esce sangue e pus. E' sorprendente che scegliate di vivere in quello stato senza trovare una cura efficace.

Come ho precedentemente menzionato, la cura migliore è di osservare attentamente la mente (meditazione - ndr). Ciò porterà alla luce la causa nascosta della vostra sofferenza. L'ego è la causa, la radice invisibile. Bisogna che l'ego invisibile ma potente sia smascherato. Basta smascherarlo che esso scompare, dicendo: "Non ho nulla da fare qui, per cui addio, non ti vedrò più.' Non dirà: 'Ci vediamo più tardi.' Smascherare l'ego è la stessa cosa che distruggerlo; è come smascherare un ladro nella sua tana.

http://www.amma-italia.it

Commenti

  1. Ci sono davvero pochi post che riescono a rendere l'idea dello scopo della Meditazione!!! Bravi!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.