Passa ai contenuti principali

L'infinito

Leggi questo passo - sono bellissimi versi - della Chândogya-upanishad (VII.23.1), ove si afferma:

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

In verità, l'infinito è la felicità.
Non c'è felicità nel finito,
solo l'infinito è felicità.
Ma bisogna voler conoscere l'infinito ...
Là dove null'altro si vede,
null'altro si ode,
null'altro si conosce,
quello è l'infinito.
Là dove si vede qualche altra cosa,
si ode qualche altra cosa,
si conosce qualche altra cosa,
quello è il finito.
Quel che è infinito è immortale,
mentre ciò che è finito è mortale.

(cfr. Saggezza hindû, a cura di Pinuccia Caracchi e Stefano Piano, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 1998, p. 200).

E confrontalo con i versi che il nostro grande poeta Giacomo Leopardi ha dedicato proprio all'infinito:

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
E questa siepe, che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il vento
Odo stormir tra queste piante, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte stagioni, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immensità s'annega il pensier mio:
E il naufragar m'è dolce in questo mare.

Curiosa similitudine, vero? La saggezza è proprio eterna!

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.