Passa ai contenuti principali

Emozioni conflittuali - Chogyam Trungpa

L'ego presenta una duplice barriera: emozioni conflittuali e credenze primitive riguardo alla realtà. Potreste chiamarle emozioni conflittuali anti-shunyata, anti-vacuità, perché non danno spazio né possibilità di sviluppare le cose. Sono emozioni solide e definite. Sono come la metafora del maiale, simbolo di ignoranza, che segue solo il suo naso e non vede altro. Continua a seguire solo il naso, costantemente, guidato dall'impulso. E qualunque cosa gli capiti davanti al naso, la divora e basta e poi va in cerca della prossima ....


In questo caso, stiamo parlando di emozioni primitive. Prendiamo la rabbia, per esempio. C'è la primitiva qualità conflittuale della rabbia e c'è anche la qualità energetica della rabbia, che è molto diversa. Le emozioni conflittuali sono quelle che cercano di garantirsi l'obiettivo e l'oggetto dell'ego, di soddisfare la sua domanda. Si basano sulla costante ricerca di sicurezza, sul mantenimento dell'identità «io sono».

Le emozioni conflittuali contengono anche energia, che è la natura compassionevole, il calore di base del fondamentale processo creativo; ma nella situazione generata dalle emozioni primitive manca la generosità per consentire all'energia di agire da sé.

Chogyam Trungpa

- Libri di "Chogyam Trungpa" su Amazon.it
- Chogyam Trungpa su Macrolibrarsi.it
- Chogyam Trungpa su it.wikipedia

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.