Passa ai contenuti principali

Tutto è uno - Albert Einstein

"Un essere umano è parte di un tutto che chiamiamo 'universo', una parte limitata nel tempo e nello spazio.

Sperimenta se stesso, i pensieri e le sensazioni come qualcosa di separato dal resto, in quella che è una specie di illusione ottica della coscienza.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Questa illusione è una sorta di prigione che ci limita ai nostri desideri personali e all'affetto per le poche persone che ci sono più vicine.

Il nostro compito è quello di liberarci da questa prigione, allargando in centri concentrici la nostra compassione per abbracciare tutte le creature viventi e tutta la natura nella sua bellezza".

Albert Einstein

Commenti

  1. peccato abbia contribuito suo malgrado alla costruzione della Bomba Atomica , in un periodo di Guerra Mondiale Totale , pensava forse che avrebbero utilizzato le sue scoperte scientifiche per fare le caramelle?.
    Ingenuo doveva meditare di più.

    RispondiElimina
  2. Beh, veramente lui non ha intenzionalmente inventato la bomba atomica, lui voleva creare una fonte di energia x tutta l'umanita' e l'ha fatto. Solo che i "potenti" di allora non avevano alcun interesse a fruire di un'energia che non avrebbe creato alcun profitto per loro, una volta messa in atto per quello scopo, e hanno sfruttato la genialita' di Einstein x i loro abbietti motivi che tutti , e oggi piu' che mai , conosciamo.
    Incolpare Einstein di questo e' come incolpare Dio perche' c'e' gente che muore di fame.
    L'Africa era una terra piena di risorse prima che arrivassero i bianchi potenti a renderli schiavi, e adesso sono sempre loro, che potrebbero sfamare milioni di persone con tutto il denaro che usano x gli armamenti, e invece gli fa comodo lasciarli morire di fame, e anche di sete, visto che le multinazionali gli fregano anche l'acqua...
    e poi...come potrebbe un uomo scrivere queste cose se avesse voluto inventare l'atomica?
    https://www.google.it/search?q=la+crisi+secondo+einstein&tbm=isch&tbo=u&source=univ&sa=X&ved=0CB0QsARqFQoTCNXtiZ2GhccCFYmVLAodlF8G_A&biw=1093&bih=470&dpr=1.25&gws_rd=cr&ei=ybi8VZG6IMLX-QGIq5CgCw#imgrc=hiRDwEAbuFM8rM%3A

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.