Passa ai contenuti principali

Silenzio, Brahman, Progressi

Nel silenzio l'anima trova la propria via in una luce più chiara e ciò che è elusivo ed ingannevole si chiarisce in modo cristallino. (Mohandas Karamchand Gandhi)

Immagina il Brahman come un mare senza sponde. Con il fresco amore del devoto, un po' d'acqua si congela in blocchi di ghiaccio. Così, di tanto in tanto, Dio assume una forma e si rivela ai suoi amanti come persona. Ma quando il sole della conoscenza aumenta, i blocchi di ghiaccio si fondono e Dio appare senza forma, non più come persona. È oltre ogni descrizione. Chi ha mai potuto descriverlo? Chiunque ci provi scompare e non riesce più a trovare il suo io. (Ramakrishna)



Un uomo che sta progredendo (spiritualmente) comincerà a godere della più profonda beatitudine che sia al lavoro oppure no. Mentre le sue mani sono nella società, mantiene la testa nella frescura della solitudine. (Ramana Maharshi)

State con le persone nel silenzio; non sprecate tempo prezioso ed energie in discorsi oziosi. Mangiate in silenzio; lavorate in silenzio. Dio ama il silenzio. (Paramahansa Yogananda)

Commenti

  1. Grazie per il vostro lavoro.
    Amo quello che proponete e condividete....
    Angie

    RispondiElimina
  2. Angie, commento provvidenziale. Prima di riceverlo, oggi, stavo pensando: ma chi me la fa fare? :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.