Passa ai contenuti principali

Padre e figlio - Storia indiana

C'era una volta un uomo stufo di prendersi cura del vecchio padre decrepito e malandato. Così un bel giorno decise di seppellirlo vivo. Prese con sé il vecchio padre e il giovane figlio e andò in un posto nascosto alla vista di tutti, dove cominciò a scavare. Il lavoro di scavo andava avanti da qualche ora quando il figlio, che osservava con curiosità, gli chiese: «Babbo, che cosa fai?».


Il padre rispose: «Il tuo nonno è diventato vecchio e inutile. perciò sto per seppellirlo per non doverlo più accudire». Il figlio, dopo aver ascoltato, s'allontanò un po' e cominciò a scavare pure lui. Il padre gli chiese che cosa stesse facendo. Il figlio rispose: «Babbo, ora il nonno deve aspettare tutto questo tempo che tu finisca di scavare. Io mi porto avanti adesso in modo da non doverti far aspettare quando verrò a seppellirti perché sarai diventato troppo vecchio».

(Storia indiana - © copyleft perle.risveglio.net)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.