Passa ai contenuti principali

Meditazioni per tutti - Osho

Ogni volta che ne trovi il tempo, solo per pochi minuti, rilassa la respirazione, nient'altro, non è necessario rilassare tutto il corpo. Seduto sul treno o su un aereo, o in macchina, nessuno si accorgerà che stai facendo qualcosa. Semplicemente rilassa la respirazione. Lascia che segua il suo ritmo naturale. Poi chiudi gli occhi e osserva il respiro che entra, e che esce, che entra ...

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Non concentrarti! Se ti concentri, crei problemi, perchè allora tutto è un disturbo. Se cerchi di concentrarti mentre sei seduto in macchina, il rumore della macchina diventerà un disturbo, la persona seduta di fianco a te diventerà un disturbo.

Meditazione non è concentrazione. E' semplice consapevolezza. Tu ti rilassi, e osservi il respiro. In quell'osservare non è escluso niente. La macchina romba, benissimo, accettalo. Il traffico sta Passando, benissimo, fa parte della vita. Il compagno di viaggio sta russando al tuo fianco, accettalo. Non rifiutare niente.

Osho

- Libri e DVD di Osho - Macrolibrarsi
- Osho su Amazon
- Osho.com
- Oshoba.it
- it.wikipedia.org/wiki/Osho
- Aforismi di Osho

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.