Passa ai contenuti principali

Meditate giornalmente - Roy Eugene Davis

Meditate giornalmente per sperimentare la supercoscienza e per permettere che la stessa vi guarisca e che le sue influenze redentrici fluiscano nella vostra mente, nel corpo e nella vostra vita. Quando la supercoscienza coincide con i vostri stati normali di veglia mentre siete attivi, sperimenterete stati di coscienza cosmica in ogni momento.


Da questo livello di consapevolezza vi risveglierete con decisione agli stati coscienti di Dio e tutta la conoscenza necessaria vi sarà rivelata. Avrete sperimentato nella vita quella che altri chiamano “salvezza”, ossia la condizione dell’essere salvati dalla sofferenza dovuta all’ignoranza. Nessuna delle vostre esperienze passate può influenzarvi. Nessuna delle vostre esperienze presenti può fermarvi. Risvegliatevi in Dio e sarete liberi nella verità.

“The Book of life” di Roy Eugene Davis, CSA Press 1993
Traduzione di Furio Sclano


- http://it.wikipedia.org/wiki/Roy_Eugene_Davis
- Center for Spiritual Awareness (pagina in italiano)
- Kriyayoga.it
- Tutti i libri di Roy Eugene Davis - macrolibrarsi
- Meditare in Dio - Roy Eugene Davis
- Chi è Roy Eugene Davis

Commenti

  1. meditare su cosa? in che modo?

    RispondiElimina
  2. La meditazione di cui parla Roy Eugene Davis è il Kriya Yoga. Se invece ti riferisci alla meditazione più in generale qui troverai diversi articoli utili: http://www.meditare.it/meditazione/meditazione.htm (vedi l'elenco sulla destra)

    RispondiElimina

Posta un commento

Per cortesia, aggiungi solo commenti pertinenti. Se, invece, hai altri quesiti o vuoi contribuire al blog con un articolo sulla meditazione visita questa pagina.

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.