Passa ai contenuti principali

L'oceano dello Spirito

"Non c'è un luogo, o re, in cui il nirvana si situi, ma il nirvana esiste e colui che ben riordina la propria vita, con attenzione cosciente, lo realizzerà. Proprio come il fuoco esiste, ma non c'è posto in cui il fuoco (da sé) si possa immagazzinare. Ma se una persona sfrega l'uno contro l'altro due bastoni il fuoco viene; nello stesso modo, o re, il nirvana esiste, benché non ci sia punto in cui sia immagazzinato. E colui che ben riordina la propria vita, con attenzione, attenta, lo realizzerà". (Milindapanna)


Quanta parte della tua vita trascorri in attesa di essere in qualche altro posto? (Matthew Flickstein)

All'inizio la consapevolezza porta via preoccupazioni e timori del passato e del futuro e ci tiene ancorati al presente. Alla fine indica la retta visione sul sé. (Ayya Khema)

Ascolta i principi dello yoga. Mettendoli in pratica potrai spezzare i legami del karma. Su questo sentiero nulla va sprecato e il fallimento non esiste. Perfino un piccolo sforzo verso la consapevolezza spirituale ti proteggerà dalla più grande paura. Coloro che seguono questo sentiero, fermamente risoluti nel profondo di loro stessi a cercare me soltanto, ottengono l'unificazione dell'intenzione. Per coloro che difettano di risoluzione, invece, le decisioni della vita si snodano per mille infinite diramazioni. (Bhagavad Gita 2:39-41)

L'oceano dello Spirito è divenuto la bollicina dell'anima mia. Che galleggi nascendo o scompaia morendo, nell'oceano della consapevolezza cosmica la bollicina dell'anima mia non può perire. Sono coscienza indistruttibile, custodita nel grembo immortale dello Spirito. (Paramahansa Yogananda)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.