Passa ai contenuti principali

La lite dei cinque viandanti - storiella sufi

Nel caravanserraglio di Sultanhani cinque pellegrini provenienti da varie contrade dell’Asia si accordarono per proseguire il cammino insieme, poiché tutti andavano alla Mecca.

Ed ecco che il giorno seguente, mentre chiacchierando camminavano alla volta di Konya, videro per terra un dìnaro d’argento.


Subito quello che lo raccolse propose: “Comperiamo del mafil e dividiamocelo”.

Il secondo disse: “D’accordo per dividercelo, ma io preferisco si comperi dell’uzum”.

“Io non conosco né uzum né mafil – disse il terzo – ma ho proprio voglia di balesh. Compriamo del balesh e dividiamocelo in parti uguali”.

Il quarto però, protestando, pretendeva che nulla era meglio del bestan, e che un dìnaro di bestan ci voleva proprio.

Ma il quinto, un poco infuriato, gridò: “Tacete tutti: a Konya prenderemo del rektaf. Nel mio paese si loda il rektaf di Konya, e io non ne ho mai mangiato. Dobbiamo comperare del rektaf e nient’altro”.

Si misero tutti a protestare, finché litigarono, e stavano già per venire alle mani quando scorsero un maestro sufi passare poco distante. Decisero allora di rimettere a lui la soluzione del diverbio e, raggiuntolo, gli spiegarono tutta la cosa.

“Bene, - rispose – venite con me. Risolverò il vostro problema con piena soddisfazione di tutti”.

E giunti a Konya li portò da un fruttivendolo, dal quale comperò un dìnaro di uva, e tutti furono contenti, poiché infatti quella volevano, pur chiamandola ciascuno col termine precipuo della propria lingua.

E così, pur se lo chiamano con nomi differenti, dal momento che tutti parlano di Dio, perché litigano?

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.