Passa ai contenuti principali

Ho pranzato con Dio ...

Un bambino desiderava incontrare Dio. Sapeva che c'era tanta strada da fare, per incontrarlo, così riempì lo zainetto con merendine e aranciata e cominciò il suo viaggio.

Dopo circa tre isolati, s'imbatté in una vecchia, che se ne stava lì al parco, seduta su una panchina a fissare i piccioni. Il bambino le si sedette accanto ed aprì lo zainetto per prendersi qualcosa da bere, quando notò che la vecchia sembrava affamata, così le offrì una merendina.

Peaceful woman practicing yoga, meditation

Lei l'accettò e gli sorrise con gratitudine. Il suo sorriso era così bello che il bambino lo voleva vedere ancora, così le offrì un'aranciata. La vecchia gli sorrise di nuovo, e il bambino ne era entusiasta!

Se ne restarono lì seduti per tutto il pomeriggio, a mangiare e sorridere, ma senza mai scambiarsi una sola parola. Poi si fece buio, e il bambino si rese conto di essere molto stanco, così si alzò per andarsene ma, dopo appena pochi passi, si voltò, corse verso la vecchia, e l'abbraccio forte-forte.

Lei lo ricambiò con il più grande sorriso che si sia mai visto.

Poco dopo, quando il bambino aprì la porta di casa sua, sua madre era stupita, tanta era la gioia che gli si poteva leggere in volto. Gli domandò: "Cos'hai fatto, oggi, che t'ha reso così felice?" Il bambino rispose: "Ho pranzato con Dio." Poi, prima ancora che sua madre potesse rispondere, aggiunse: "Sai una cosa? Dio ha il più bel sorriso che abbia mai visto!"

Nel frattempo, la vecchia, pure lei raggiante di gioia, fece ritorno a casa sua. Suo figlio era sbalordito, nel vederla così in pace, e le domandò: "Mamma, cosa hai fatto oggi che ti ha resa così felice?" e lei rispose: "Ho mangiato merendine al parco con Dio.". Poi, senza lasciare al figlio il tempo di rispondere, aggiunse: "Sai una cosa? Dio è molto più giovane di quel che mi aspettassi."

Troppo spesso sottovalutiamo l'importanza di un tocco, di un sorriso, di una parola gentile, di un orecchio che ci presta ascolto; l'importanza anche del più piccolo gesto che dimostra affetto; tutte cose, queste, che potrebbero cambiarci la vita.

Le persone arrivano nella nostra vita per una ragione, per una stagione, o per tutta la vita. Abbracciamole tutte!

Ricorda: faglielo sempre sapere, alle persone che ti hanno toccato il Cuore, quanto sono importanti!

Nota: questo racconto circolò per email; se qualche cortese lettore ritiene di conoscerne l'esatta origine può precisarla commentando questo stesso messaggio; grazie.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.