Passa ai contenuti principali

Completezza e unicità - J. Kabat-Zinn

Quando abbiamo la concezione della nostra completezza ci troviamo all'unisono con tutto. E allora ci sentiamo completi noi stessi. Seduti o distesi in stato d'immobilità possiamo ricollegarci col nostro corpo, trascenderlo, immedesimarci col respiro, con l'universo, sentirci completi e coinvolti in entità complete sempre più grandi. Il senso dell'interrelazione apporta una profonda conoscenza dell'appartenenza, dell'essere parte integrante delle cose, di sentirci a nostro agio dovunque ci si trovi.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Possiamo assaporare, quasi meravigliati, l'atemporalità che supera la nascita e la morte e, nel contempo, avere coscienza della fuggevole brevità di questa vita e del nostro passaggio, della transitorietà dei legami col nostro corpo, con questo momento e con i nostri simili. Prendendo direttamente atto della nostra completezza durante la pratica meditativa, potremmo trovarci a conciliarci con le cose cosi come stanno, approfondendo comprensione e compassione, alleviando pene e disperazione. Quando ci convinciamo della nostra completezza intrinseca, non vi sono più luoghi dove andare nè cose da fare. Saremo quindi liberi di scegliere il nostro cammino. Che si agisca o meno regnerà la calma. La troveremo nel nostro intimo in ogni momento e mentre la toccheremo, l'assaporeremo, l'ascolteremo, il corpo non potrà che fare altrettanto e lasciar correre. Anche la mente ascolterà, sperimentando almeno un momento di pace. Aperti e ricettivi, troveremo equilibrio e armonia proprio qui; tutto lo spazio compreso in questo luogo, tutti i momenti compresi in questo momento.

Jon Kabat-Zinn

- Jon Kabat-Zinn - Macrolibrarsi
- Jon Kabat-Zinn - Amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.