Passa ai contenuti principali

Che significa essere svegli? - Aivanhov

"Dalla mattina alla sera gli esseri umani si dedicano alle loro occupazioni; sembrano svegli, ma in realtà i più non fanno che dormire. Attraversano la vita con gli occhi chiusi, calpestando il santuario della natura. Non sentono intorno a sé la presenza invisibile di altre creature vive e intelligenti e di altre forze che circolano, ma si limitano a ciò che è immediatamente accessibile ai loro cinque sensi.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Essere svegli significa prendere coscienza di tutte le esistenze che popolano lo spazio e rimanere in contatto con esse. Per stabilire questo contatto occorre iniziare ponendosi in uno stato di armonia, di purezza e di luce. E sono proprio queste le condizioni che avete al mattino quando andate ad assistere al sorgere del sole. Allora, lungo la strada che percorrete, pensate a tutti gli esseri invisibili che vi circondano. È grazie a loro se la natura è viva e ci offre tutto quello che possiede. Rivolgetevi a quegli esseri e dite loro: «O voi, amabili figli della terra, dell'acqua, dell'aria e del fuoco... voi, gnomi, ondine, silfi e salamandre... vi amo, siate ringraziati e benedetti per il vostro lavoro»."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.