Passa ai contenuti principali

Tolleranza - Alcione (Jiddu Krishnamurti)

Devi provare in cuor tuo perfetta tolleranza per tutti, ed un sincero interessamento nelle credenze di quelli di altre religioni, nella stessa misura che lo hai nelle credenze della tua propria.

Perche' la religione loro e' un sentiero che conduce all'Altissimo, precisamente come lo e' la tua. E per aiutare tutti devi comprendere tutto. Ma per acquistare questa perfetta tolleranza devi prima esser libero tu dal bigottismo e dalla superstizione.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Impara che nessuna cerimonia e' necessaria, altrimenti ti crederai in qualche modo da piu' di quelli che non la compiono. Tuttavia non biasimare coloro che ancora si agrappano alle cerimonie. Lascia che essi facciano come vogliono; soltanto non devono ostacolare te che conosci la verita'; non devono cercare d'importi quanto col crescere hai oltrepassato.

Fa' concessione per ogni cosa, sii amorevole verso ogni cosa. Ora che i tuoi occhi sono aperti, alcune delle tue vecchie credenze, delle antiche cerimonie, possono sembrarti assurde e forse lo sono realmente.

Tuttavia, benche' tu non possa piu' parteciparvi, porta loro rispetto per amore di quelle anime buone per le quali sono ancora importanti. Esse hanno il loro posto, hanno la loro utilita'; sono come le doppie righe che da fanciullo ti guidarono a formare lo scritto diritto e uniforme, fino a che la tua mano non ebbe imparato a far meglio e piu' liberatamente senza di esse.

Un tempo ne avevi bisogno, ma ora quel tempo e' passato. Un grande Istruttore scrisse: "Quando io ero fanciullo, io parlavo come un fanciullo; io ragionavo come un fanciullo; ma quando sono diventato uomo, io ho dimesse le cose da fanciullo come non essendo piu' d'alcun uso".

Tuttavia colui che ha dimenticato la sua fanciullezza e non e' piu' in simpatia coi fanciulli, non e' uomo atto ad insegnar loro e ad aiutarli. Percio' considera tutti con amorevolezza, dolcezza e tolleranza, ma tutti ugualmente, buddista od indu', Jain od israelita, cristiano o maomettano.

Alcione

(Nota: Alcione è Jiddu Krishnamurti. Quando adoperava questo pseudonimo era molto giovane. Gli alcioni - mitici uccelli - erano considerati - nella mitologia greca - un collegamento tra cielo e mare. Divennero anche il simbolo di una rapida pace e di tranquillità.)

Da un libricino dal titolo: Ai piedi del Maestro. Alcione (J. Krishnamurti)

- Jiddu Krishnamurti su Amazon.it
- Libri di Jiddu Krishnamurti su macrolibrarsi.it
- it.wikipedia.org/wiki/Jiddu_Krishnamurti
- jkrishnamurti.org

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.