Passa ai contenuti principali

Sulla Religione - Swami Vivekananda

Io accetto tutte le religioni che vi furono nel passato e le rispetto tutte: venero Dio con ognuna di esse, in qualsiasi forma venga adorato. Andrei alla Moschea dei musulmani; entrerei nella chiesa cristiana e m’inginocchierei di fronte al Crocifisso; entrerei nel tempio buddista, dove troverei rifugio in Buddha e nella sua Legge. Andrei nella foresta e mi sederei in meditazione con l’indù, che sta cercando di vedere la Luce che illumina i cuori di ognuno. Non solo farei queste cose, ma terrei il mio cuore aperto per ogni cosa che possa venire nel futuro.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Se deve esistere una Religione Universale, deve essere una che non abbia luogo in tempo o spazio; una che sia infinita come il Dio che prega, e il cui sole brilli, in egual modo, sui seguaci di Krishna e Cristo, sui santi e i peccatori; una che non sia Bramanista o Buddista, Cristiana o Musulmana, ma un insieme di tutte queste e che abbia ancora uno spazio infinito per svilupparsi; una che nella sua universalità abbracci nelle sue infinite braccia, e che possa trovare un posto per ogni essere umano, dal più umile, abietto selvaggio, non molto diverso dalla bestia, al più alto degli uomini, che quasi si eleva sopra l’umanità attraverso le virtù della sua mente e del suo cuore, per il quale la società ha un timore reverenziale e del quale dubita della sua natura umana. Sarà una religione che nella sua politica non avrà posto per persecuzione o intolleranza, che riconoscerà la divinità in ogni uomo e donna, ed il cui intero scopo, la cui intera forza, sarà centrata nell’aiutare l’umanità a realizzare la sua stessa vera, divina natura.

http://it.wikipedia.org/wiki/Vivekananda
Swami Vivekananda - Amazon
Swami Vivekananda - Macrolibrarsi

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.