Passa ai contenuti principali

Prana - Aivanhov

"Al di là dell'atmosfera terrestre, in quello che gli antichi chiamavano "etere", esiste una sostanza essenziale, diffusa attraverso lo spazio; e tutto ciò che esiste sulla terra ha la proprietà di attirare e trattenere una certa quantità di questa sostanza apportatrice di vita.


Sarebbe auspicabile che anche gli scienziati si dedicassero a questo argomento, e che, attraverso ricerche di laboratorio, illuminassero il pubblico sulla natura di questa quintessenza così necessaria alla nostra salute fisica, psichica e spirituale. Gli indù chiamano questo elemento "prana", e hanno dei metodi per captarlo, in particolare mediante la respirazione. Esistono tuttavia molti altri mezzi oltre alla respirazione. C'è la contemplazione del sole al suo sorgere e quella del cielo stellato la notte; c'è il contatto con le forze della natura nelle foreste, sulle montagne, nei fiumi, nei laghi e nei mari; e c'è anche la nutrizione, poiché tutti gli alimenti che mangiamo contengono qualcosa di questa quintessenza, distribuita ovunque nello spazio, dalle rocce fino alle stelle."

(Omraam Mikhael Aivanhov)

- Aivanhov su macrolibrarsi
- Aivanhov su Amazon.it
- Aivanhov su Wikipedia
- Prosveta pubblica le opere d'Aivanhov

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.