Passa ai contenuti principali

Possessi emotivi - Thynn Thynn

Qualunque via si possa prendere, il pericolo maggiore è l'accumulo di possessi emotivi. Questi sono «il mio maestro», «il mio credo», «la mia scuola», «il mio progresso», «la mia esperienza». Anche in questo caso ci imbattiamo in un paradosso. La guida di un maestro è sempre necessaria per procedere correttamente sul sentiero, ma se non si sta attenti diventa un ostacolo.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Il problema più comune consiste nell'aggrapparsi alla persona dei guru e degli insegnanti. In realtà, questo è uno degli ostacoli più difficili da superare in tutta la ricerca della libertà interiore. Lasciar andare credenze, dottrine, guru, ideali e giudizi è estremamente difficile, perché vengono tenuti in gran conto. Diventano dei veri e propri averi, come la ricchezza materiale e il potere; di conseguenza non si è liberi e non si progredisce più.

(Saggezza buddista - Thynn Thynn)

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.