Passa ai contenuti principali

Perle di saggezza: il Dalai Lama ci parla

“Anche fra i tibetani troviamo studiosi che hanno la sensazione che la scienza e la religione siano così lontane che difficilmente l’una avrebbe qualcosa da insegnare all’altra. Essi respingono la scienza come irrilevante – l’esatto opposto di ciò che accade in Occidente, dove alcuni respingono invece la religione. Propongo di sostituire la parola religione con il termine religiosità, perché ciò che è in gioco qui non è una dottrina specifica, ma l’esperienza più generale di una qualsiasi religione.”
(Dalai Lama, Nuove Immagini dell’Universo, Raffaello Cortina Editore)

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

La cultura spirituale trascende le razze, le frontiere nazionali e anche il tempo. La cultura materiale, per quanto originale possa essere, non è un valore durevole. Lo è invece la cultura spirituale. E la cultura spirituale è in gran parte rappresentata da ciò che succede nella mente e che si traduce nell’affetto, nella bontà e nel rispetto del prossimo.”
(Claude B. Stevenson, Così parla il Dalai Lama, Ed. Lindau, To)

“Io ritengo che il potere vero dipenda dal rispetto che gli altri mostrano nei tuoi confronti. Ha a che vedere con la capacità di influire sul cuore e sulla mente degli altri. Il Mahatma Gandhi, per esempio, aveva un potere vero, che tuttavia non era fondato sulla quantità di denaro che aveva. Il potere fondato sulla ricchezza è artificiale, tocca la superficie, non dura. Rispettano i tuoi soldi ma non te, e se perdi i soldi, potere e rispetto svaniscono. E’ come il potere di chi impugna una pistola: appena la posa, a quella persona non viene più riconosciuto alcun potere, né mostrato alcun rispetto.”
(Dalai Lama, L’arte della felicità sul lavoro, Oscar Mondadori)

Da una newsletter dell'istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.