Passa ai contenuti principali

Meditazione: il silenzio della mente ...

"Immaginate uno specchio d'acqua — sporco, torbido e fangoso. Un uomo di buona vista posto sulla riva non riuscirebbe a vedere le conchiglie, le ostriche, i ciottoli, la ghiaia, e neanche i pesci che vi sono. Perché? Perché la natura dell'acqua è molto torbida.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Allo stesso modo, un monaco con una mente impura non riesce a vedere il proprio beneficio, e quello degli altri, il beneficio di entrambi; non si renderebbe conto dello stato umano e superiore, della nobile differenza di conoscenza e visione: sarebbe impossibile. Perché? A causa della natura impura della sua mente."

"Immaginate adesso uno specchio d'acqua chiaro, limpido e puro. Un uomo di buona vista posto sulla riva riuscirebbe a vedere le conchiglie, le ostriche, i ciottoli, la ghiaia ed i pesci che vi sono. Perché? Perché la natura dell'acqua è molto limpida. Allo stesso modo, un monaco con una mente pura riesce a vedere il proprio beneficio, e quello degli altri, il beneficio di entrambi; si renderebbe conto dello stato umano e superiore, della nobile differenza di conoscenza e visione: sarebbe possibile. Perché? A causa della natura pura della sua mente."

- http://www.canonepali.net

Com'è possibile realizzare una mente chiara, limpida, pura, ma soprattutto calma, quieta, senza increspature, una mente che si adatti alle circostanze spontaneamente, una mente consapevole di se stessa? Mediante la disciplina della meditazione. Quando la mente diviene consapevole, silenziosa e quindi pura riflette all'istante la sua natura più intima.

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.