Passa ai contenuti principali

La 'road map' per il risveglio - B. Alan Wallace

Gli insegnamenti del Buddha sono inconsueti, in quanto spiegano diffusamente la natura del suo risveglio, nonché i tipi di disciplina meditativa che lui ha utilizzato per ottenere le sue intuizioni. Il Buddha ci ha lasciato una «road map» per il risveglio. Infatti, la sua principale motivazione all'insegnamento era di indirizzare gli altri verso il risveglio spirituale che egli stesso aveva sperimentato.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Le dichiarazioni attribuite al Buddha spiegano molto bene che tutti gli esseri viventi hanno la capacità di diventare Buddha e che la sua realizzazione si è verificata in seguito alla pratica del Dharma che lui stesso ha insegnato.

Negli ultimi 2500 anni gli insegnamenti del Buddha sono stati testati sperimentalmente da migliaia dei più grandi saggi dell'Asia e molti di loro hanno verificato la veridicità delle sue parole e hanno conseguito la sua stessa realizzazione.

B. Alan Wallace

B. Alan Wallace - amazon.it

B. Alan Wallace, con una laurea in Fisica, una in Filosofia della scienza, una in Storia delle religioni, pratica il buddhismo dal 1970, ed è uno dei più famosi insegnanti occidentali di filosofia buddhista e di meditazione. Il suo addestramento monastico nel buddhismo è durato quattordici anni, culminando con l'ordinazione ad opera del Dalai Lama, sotto la cui direzione studia da più di trent'anni. È il fondatore del Santa Barbara Institute for Consciousness Studies.

- B. Alan Wallace - macrolibrarsi.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.