Passa ai contenuti principali

Haiku

Haiku, componimento poetico giapponese che consta di diciassette sillabe distribuite in tre gruppi di cinque, sette e cinque sillabe. Nacque come invito all'ironia e aveva intenti comico-satirici, ma nel XVII secolo, Basho pose fine a questa tendenza destinando i versi a espressioni tipicamente liriche». La forma haiku è dunque una rigorosa interpretazione del soggetto pensante che, affidandosi alla rapidità del frammento - o alla frammentazione della rapidità espressiva - racchiude in un esiguo spazio di qualche immagine una impressione, un sobbalzo del cuore, un'aritmia. L'haiku ha avuto anche da noi, nei più recenti decenni, qualche lodevole applicazione, ma ha perduto però l'incanto che i poeti originali giapponesi avevano affidato ai loro graziosi e squisiti «improvvisi».

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Altre notizie

Le regole dell'haiku sono semplici: tre soli versi, rispettivamente di 5, 7 e 5 sillabe. La poesia dovrebbe inoltre contenere un riferimento al «tempo» in cui è stata composta (kigo), ossia alla stagione, o all'ora del giorno, ecc. e dovrebbe implicare anche, l'ossequio ad alcuni canoni estetici, il più importante dei quali è il concetto di sabi o wabi, che si riferisce a un sentimento di malinconia o nostalgia misurata e quieta. Per la scuola di Basho è importante anche il concetto di karumi, leggerezza, che invita a usare parole semplici e prive di retorica.

Per inciso, haiku, detto anche hokku, deriva da haikai, che significa comico, buffo. Haikai no renga, poesie comiche a catena, era un genere molto diffuso in Giappone proprio ai tempi di Basho.

http://it.wikipedia.org/wiki/Haiku
- Haiku - Amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

I rischi della “zona intermedia” - Sri Aurobindo

In questo brano (la risposta ad un discepolo che gli chiedeva consiglio circa le proprie esperienze) Aurobindo tratta dei rischi della "zona intermedia": quello stato o periodo di confusione in cui si esce dalla coscienza personale e ci si apre a quella cosmica, senza aver tuttavia trasceso i livelli della mente umana.

"Tutte queste esperienze sono della stessa natura e ciò che vale per una vale anche per l'altra. A parte alcune esperienze di carattere personale, le altre sono o idee-verità, come quelle che si riversano dall'alto nella coscienza quando si entra in contatto con certi piani d'essere, oppure potenti formazioni provenienti dai più vasti mondi della mente e del vitale le quali, non appena il sadhaka si apre a tali mondi, si precipitano dentro di lui cercando di usarlo per realizzarsi. Queste cose, quando scendono o entrano nella coscienza, si presentano con una grande forza, un vivo senso d'ispirazione o illuminazione, una sensazione vivissim…

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.