Passa ai contenuti principali

Fa' di te stesso un'isola

Fa' di te stesso un'isola, fa' di te stesso il tuo rifugio; non c'è altro rifugio. Fa' dell'evidenza la tua isola, fa' dell'evidenza il tuo rifugio; non c'è altro rifugio. E come ti trasformerai in in un'isola e in un rifugio per te stesso? In questo modo: osserva e contempla come il tuo corpo sia composto da tutte le forze dell'universo. Ardentemente e coscientemente dirigi il corpo trattenendo lo scontento per il mondo circostante.

Testi e immagini per la meditazione - yoga - meditation - zen

Nello stesso modo, osserva e contempla le sensazioni del tuo corpo ed esercita lo stessa fermezza ed autocontrollo verso la schiavitù dell'avidità o del desiderio. Rendendoti conto che l'attaccamento al corpo e alle sensazioni è un'ostruzione alla percezione della realtà, dimora nella padronanza di te stesso e nell'ardente liberazione da quei legami. In questo modo vivrai come un'isola per te stesso e come un rifugio per te stesso. Chiunque si stabilizzi in questa contemplazione, rendendosi un'isola con l'evidenza e rifugiandosi nella realtà, un tal persona passerà dall'oscurità alla luce.

Parole del Buddha - Digha Nikaya, 16

- Buddhismo & Meditazione - Amazon

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.