Passa ai contenuti principali

Come l'oceano ha le sue onde ... - Sogyal Rinpoche

Come l'oceano ha le sue onde e il sole ha i suoi raggi, anche la mente ha i suoi riflessi: sono i pensieri e le emozioni.
L'oceano ha le sue onde, ma non ne è particolarmente disturbato. Le onde, in effetti, sono la natura stessa dell'oceano.
Le onde continuano a sorgere, ma dove vanno a finire? Ritornano nell'oceano.
E da dove vengono? Sempre dall'oceano!

ABC collage

Allo stesso modo, i pensieri e le emozioni sono la luminosità e l'espressione della natura stessa della mente.
Essi sorgono dalla mente, ma dove vanno a finire quando si dissolvono? Di nuovo nella mente!
Qualsiasi cosa sorga, non vederla come un problema particolare. Se non reagisci impulsivamente, se resti semplicemente paziente, tornerà a dissolversi di nuovo nella sua natura essenziale.

Quando possiedi questa comprensione, l'apparire dei pensieri non fa che rinforzare la tua pratica. Ma quando non comprendi cosa sono intrinsecamente i pensieri (cioè la manifestazione luminosa della natura della mente) allora diventano causa di confusione.
Dunque coltiva un'attitudine spaziosa, aperta e compassionevole verso i tuoi pensieri ed emozioni perché, di fatto, i pensieri sono come la tua famiglia, la famiglia della tua mente.
Di fronte a loro, come diceva sempre Dudjom Rinpoche, "Sii come un uomo anziano e saggio, che guarda i bambini mentre giocano".

Sogyal Rinpoche

Tradotto da Italo Choni Dorje
http://www.vajrayana.it

- http://it.wikipedia.org/wiki/Sogyal_Rinpoche
- Libri di Sogyal Rimpoche - macrolibrarsi
- Sogyal Rinpoche - Amazon.it

Commenti

Post popolari in questo blog

La trasformazione della mente - Dalai Lama

La mente può e deve trasformare se stessa. Può liberarsi delle impurità che la contaminano e assurgere al più alto livello.

Age quod agis

Age quod agis: la locuzione tradotta letteralmente significa Fai (bene) quanto stai facendo. In maniera metaforica la frase costituisce un richiamo ad interpretare correttamente il presente, che solo è in nostro possesso e dal quale dipende l'avvenire.

Delle mosche del mercato - Friedrich Nietzsche

"Fuggi, amico mio, nella solitudine! Io ti vedo stordito dal chiasso dei grandi uomini e punzecchiato dagli aculei dei piccoli.
Il bosco e la roccia sapranno degnamente tacere con te. Sii simile all'albero che tu ami, quello dall'ampia ramaglia: che è sospeso quieto sul mare e silenzioso ascolta.
Dove finisce la solitudine, comincia il mercato; e dove comincia il mercato, comincia anche il chiasso dei grandi attori drammatici e il ronzio delle mosche velenose.